Presentazione ristampa anastatica

Venerdì 29 ottobre 2021 alle 18:30, nella chiesa canonicale di S. Elena, si terrà la presentazione della ristampa anastatica della Commedia di Dante edita a Brescia nel 1487. Realizzata dall’editore dalmata Bonino Bonini, che fu attivo anche sul territorio veronese, fu la prima edizione interamente illustrata del capolavoro dantesco. Si trattò di un progetto monumentale ed estremamente costoso per l’epoca, in settecento pagine, illustrate con una serie di 68 splendide immagini xilografiche.

L’iniziativa è promossa da Sardini Editrice, in collaborazione con Fondazione Biblioteca Capitolare di Verona e Libreria Mameli per celebrare i 700 anni dalla morte del Sommo Poeta. Nell’occasione verrà dunque al pubblico la prestigiosa ristampa. Si tratta di un’opera di grande valore artistico, realizzata su carta pergamena vegetale, rilegata in tre volumi in pelle secondo le caratteristiche dell’originale quattrocentesco. La ristampa, che sarà visibile al pubblico nel corso dell’evento. è stata stampata con una tiratura limitata in 499 esemplari numerati.

L’opera sarà presentata ed esposta all’interno di una cornice d’eccezione: la chiesa di S. Elena, uno dei luoghi danteschi della città di Verona, dove Dante lesse la sua “Questio de aqua et terra” il 20 gennaio 1320. Ai saluti iniziali di Mons. Bruno Fasani, Presidente della Fondazione Biblioteca Capitolare e della Dott.ssa Maria Maddalena Buoninconti, Presidente della Società Dante Alighieri, seguiranno gli interventi di Davide Sardini, editore, sulle mirabolanti avventure dello stampatore Dobrica Dobric, di Lodovico Cardellino, dantista, che parlerà di Cristoforo Landino e della lettura allegorica della Divina Commedia, e di Maurizio Brunelli, saggista, che parlerà di Cangrande, Dante e il ruolo delle stelle.

Al termine della presentazione della ristampa anastatica ci sarà un piccolo rinfresco. Nel mentre, all’interno del Museo Canonicale accessibile dall’attiguo chiostro, sarà possibile anche l’incunabolo originale del 1487, di cui la Biblioteca Capitolare custodisce una copia.

Ingresso libero / accesso con Green Pass

FacebookTwitterLinkedInInstagramYouTube